PSICOTERAPIA e  RICERCA PSICOANALITICA

                           

 


Extracción de la piedra de la locura (J.Bosch)


 

Home 

altri articoli e lezioni 

bibliografia 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

Lo studio della mente è un campo aperto

La tecnica psicoanalitica nel 1905

"Molti sono i modi di praticare la psicoterapia, e tutti quelli che portano alla guarigione sono buoni" ... È  giustificato l’impiego del metodo analitico se altri metodi più convenienti , meno difficoltosi e lunghi,  non hanno portato risultati. …. Le psicosi, gli stati confusionali, la depressione profonda non sono adatti alla psicoanalisi.  (S. Freud, 1905 Sulla psicoterapia). 

…  e nel 1913

 “Prendo accordi precisi sul tempo”: uso un’ora determinata della giornata per ogni paziente”  (come avviene con l’insegnante di lingue o musica). … Lavoro con un paziente  tutti i giorni, escluso la domenica. Interruzioni anche brevi sono da evitare (la crisi del Lunedì).  …  Nei casi leggeri o se la terapia è già a buon punto possono essere sufficienti 3 gg alla settimana. Se il pz trova difficoltà ad aprirsi occorre anche più di un’ora al giorno. (  1913 S. Freud L’inizio del trattamento )

…  e nel 1919

Le forme diverse di malattia non possono essere  curate tutte con la stessa tecnica.  ... La tecnica si è formata principalmente  nel trattamento dell’isteria.   … Con i fobici gravi si ottiene il successo se si riesce ad indurli a comportarsi come i fobici meno gravi ossia ad andare per la strada a combattere l’ansia  mentre compiono il tentativo.      …   Solo dopo essere riusciti a tanto, grazie alle insistenze del medico, nella psiche del paziente compaiono le associazioni ed i ricordi che permettono di risolvere la fobia. Nei casi di comportamento ossessivo un atteggiamento passivo di attesa è ancor meno consigliabile. Questi casi tendono ad un interminabile prolungamento della cura. C’è sempre il pericolo che l’analisi riveli tante cose senza cambiare nulla.   (S. Freud. 1919 Vie della psicoterapia psicoanalitica)

 La scienza è ricerca

S. Freud  ha rivisto  più volte le sue ipotesi.  Nonostante che le  intuizioni freudiane, in seguito,  siano state talvolta cristallizzate  in un corpus dogmatico la ricerca in psicoanalisi non si è mai fermata. 

Lo studio della mente è  un campo aperto e multidisciplinare in cui, in particolare, la neurofisiologia, la psicoanalisi  e le scienze umane possono insieme sviluppare nuove intuizioni e tecniche orientate alla conoscenza ed al  benessere intrapsichico e interpsichico.